Volevo un fante di cuori

Volevo un fante di cuori
Fisiopatologia della donna abbandonata
di Fulvia Perillo

Esiste il gene dell’abbandono, una predisposizione a essere lasciate dal proprio partner. Claudia, la protagonista di questo divertente romanzo ne è convinta. Tanto da aver stilato una casistica degli uomini tipo: il ‘fedele’, il ‘contemporaneo occasionale’, o il ‘sequenziale alternante’, o anche ‘l’infedele sostanziale’. Se si fa parte di una famiglia con il gene dell’abbandono, si è destinate a quello. Fòlgore, Argentina, Flora, Carlotta, Domenica, Rosa Tea, perfino l’elegante ‘zio Bert’, tutte hanno seguito quella sorte, non esclusa in ultimo Claudia stessa. Non sempre, però, l’abbandono è negativo: “Quando si è nati sul trionfo di Sanremo e si vive dentro una canzone e poi un’altra, non è così difficile superare le crisi”. Così da Claudio Villa a Modugno, da Nada a Caterina Caselli, fino a Mina, Fred Bongusto e Lucio Battisti, i più noti cantanti italiani diventano coprotagonisti di questa saga familiare, con tante donne abbandonate che piangono e muoiono, ma che riescono anche a ridere e cantare.

Pagine 192
Prezzo 12 €

ISBN 978 88 89 647 49 3

o su IBS

 

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: