Le metamorfosi del sax symbol | Alias [il manifesto]

La bibliografia italiana è avara di opere sugli strumenti musicali adoperati nel jazz e nel sound afroamericano in genere: solo ora, più o meno in contemporanea, giungono alcuni libri a colmare la cronica lacuna: in passato, sporadicamente, qualche jazzman italiano tenta di rileggere la storia attraverso l’evoluzione tecnica, stilistica, artistica dello strumento adottato. Sui sassofoni è imperniato ad esempio un nuovo beedeker di piacevole lettura: Paolo Carradori con Sax Appeal (Effequ, Orbetello, pagg. 127, euro 7,50) sintetizza la lezione aperta dal suo inventore Adolphe Sax e oggi idealmente riassumibile proprio nelle quattro interviste finali ad altrettanti saxmen del jazz italiano: Gianni Basso, Eugenio Colombo, Dimitri Grechi Espinosa, Mario Schiano, ovvero dal cool al free; un manuaeletto ammirevole per la rapida completezza informativa, a scapito dell’approfondimento critico, impraticabile entro i limiti del pocket per quasi cent’anni di metamorfosi jazz-sassofonistiche. […]

Alias | il manifesto – 6 gennaio 2011

Annunci
Comments
3 Responses to “Le metamorfosi del sax symbol | Alias [il manifesto]”
  1. notitiae ha detto:

    Interessante!!! Complimenti anche per il blog molto intrigante.
    Vi suggerisco il contributo di NotitiAE per la musica, diciamo novità musicali molto interessanti… Il link:
    http://notitiae.wordpress.com/2011/01/16/croce-e-delizia-tour-io-sono-il-canto/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: