Nel nome del Parco | il manifesto

La trincea in cui si è calato Mario Tozzi, geologo, primo ricercatore al CNR ma anche autore e conduttore televisivo, è al largo della costa toscana. E nel sottotitolo del suo diario dal fronte, ha voluto richiamare una delle più struggenti fotografie del primo conflitto mondiale, guerra combattuta nelle trincee: Un anno sull’altipiano di Emilio Lussu, diventa «Un anno sull’arcipelago», diario di un’esperienza iniziata nel 2007, quando Tozzi divenne presidente del Parco nazionale dell’Arcipelago toscano. Sette perle nel Mar Tirreno, un rosario di nomi che gli italiani sono abituati a sgranare durante l’estate, quando «il paradiso terrestre diventa un purgatorio». Lo scienziato consapevole dei limiti della natura e della sua riproduzione, e della finitezza di suolo (ancor più evidente su un’isola), si scontra da subito con un’idea di sviluppo basata sul turismo e sul paradigma di una crescita fondata sulla realizzazione di nuove e impattanti strutture ricettive. Su chi vorrebbe fare dell’Elba e del Giglio nuove Ischia. Emblema della fatica del presidente, è la difficoltà a salvaguardare le aree marine protette, definita «la cura per il mare ammalato». L’arcipelago toscano offre così a Tozzi la possibilità di fotografare i problemi di un’Italia che non sa amare le sue coste: l’erosione, la «privatizzazione» e la cementificazione, lo sfruttamento della vita sottomarina.

Luca Martinelli, il manifesto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: